Inserisci quello che stai cercando, noi ti aiuteremo a trovarlo.

SALUTE E TERRITORIO    

CONOSCI ELISABETTA MACCAGNO? INTERVISTA AL PRESIDENTE A.I.G.A. ASTI

Oggi intervistiamo Elisabetta Maccagno, avvocato e Presidente AIGA, Associazione Italiana Giovani Avvocati - sezione di Asti - con cui collaboriamo spesso per incontri di formazione dedicati ai professionisti del territorio. Quello del 10 maggio, nel nostro Auditorium, sarà incentrato su Patto Marciano e Esecuzioni immobilari. Leggi l'intervista per saperne di più!

09 maggio 2018

Elisabetta, cos'è il patto Marciano e come è cambiato dopo la riforma?


Il patto Marciano è l'accordo tra debitore e creditore: il creditore acquista la proprietà della cosa ricevuta, in pegno o ipoteca, se il debitore diventa inadempiente. Il patto marciano rispetta due condizioni:

  1. si effettua una stima del bene da parte di un terzo soggetto all'inadempimento del debitore;
  2. in caso di differenza tra valore del credito e quello del bene stimato, il creditore corrisponde al debitore l'eventuale conguaglio

 

Il patto Marciano è riconosciuto formalmente con il D.lgs. n.72/2016. Recepite la Direttiva 2014/17/Ue e la L. n.119/2016, di conversione del D.l. n.59/2016 (entrambe innovatrici del Testo unico bancario), il patto marciano favorisce l’accesso delle imprese al credito, attraverso un sistema più efficace e rapido per le procedure di recupero per i creditori. A partire dal 3 luglio 2016, infatti, la banca può vendere direttamente l’immobile senza dover avviare alcuna procedura esecutiva.

 

Cosa comporta, di fatto, la condizione sospensiva?


La condizione sospensiva riguarda proprio il trasferimento del bene, sospeso fino all'inadempimento del debitore. E' necessario che il mancato pagamento si protragga da oltre 9 mesi. Se alla scadenza della prima, delle rate non pagate, il debitore ha già rimborsato il finanziamento in misura pari ad almeno l'85% della quota capitale, il periodo di inadempimento deve essere di almeno dodici mesi.

 

Sei Presidente della sezione di Asti di AIGA: ci racconti di più sull'Associazione? Quali attività promuove?


L’A.I.G.A, Associazione Italiana Giovani Avvocati, è un'associazione di categoria composta da soli avvocati e praticanti avvocati. Ho fondato la sezione astigiana, insieme a altri diciannove giovani avvocati albesi, astigiani e braidesi per creare rete, crescere professionalmente ed offrire nuove opportunità e maggior coesione, ai giovani colleghi e alle nostre comunità.

 

Con Banca di Cherasco è nata da subito una proficua collaborazione. A Giugno 2017, abbiamo organizzato un convegno sui Fondi europei per PMI e professionisti, quest'anno, l'incontro di formazione: "Esecuzioni immobiliari e patto Marciano". Come Presidente di A.I.G.A., sezione Asti, ringrazio il Consiglio di Amministrazione di Banca di Cherasco per la disponibilità ed il sostegno dimostratoci, con l’auspicio di continuare a lavorare insieme, proponendo un futuro ricco di eventi e approfondimenti di comune interesse.