Inserisci quello che stai cercando, noi ti aiuteremo a trovarlo.

Imprese     Soci    

Presentato ai soci il nuovo management

Da inizio anno la BCC Cherasco ha fatto registrare un trend positivo nel numero dei Soci, arrivati a 9.173 (+2,88 % rispetto al 31 Dicembre 2014), e nel numero dei dipendenti, attualmente 167, con 14 assunzioni da inizio anno, principalmente neo laureati del territorio

05 ottobre 2015

La Banca di Cherasco ha incontrato Venerdi 02 Ottobre i propri Soci per nominare il nuovo Collegio Sindacale e ratificare l'entrata nel Consiglio d'Amministrazione di tre nuovi amministratori dopo l’ uscita dell'ex Presidente Alberto Bravo e del Vice Presidente Antonino Piovano, per raggiunti limiti d'età, e le dimissioni di Valentina Ostorero per ragioni legate alla sua attività di imprenditrice. 

Il Presidente Olivero e il Direttore Generale Ravera hanno avuto modo di presiedere la prima Assemblea Sociale dall'inizio del loro mandato, un incontro fortemente voluto dai vertici dell'istituto roretese per presentare il  nuovo team  che avrà il compito di guidare la Banca nei prossimi anni.

I tre nuovi amministratori sono il Dott. Emanuele Cottino, il Dott. Amedeo Prevete e l’Avv. Alberto Rizzo

Emanuele Cottino, 64 anni di Torino, con una carriera di oltre trent'anni nel settore investment banking, svolge attualmente il ruolo di consulente per il Gruppo Ersel dopo averne ricoperto la carica di Direttore Generale dal 1996 al 2010. 

Amedeo Prevete, 33 anni di Bra, manager  nel settore socio-sanitario e sociale, è vice direttore della succursale di Biella della Piccola Casa della Divina Provvidenza “Cottolengo” e dal 2008 al 2010 è stato Direttore Generale della Casa di Riposo “Ospedale di Cherasco”. 

Alberto Rizzo, 43 anni di Bra, avvocato titolare dell'omonimo studio legale, è specializzato in diritto bancario e finanziario, gestione delle crisi di impresa, pianificazione delle attività patrimoniali e gestione delle procedure fallimentari. 

Questa assemblea – spiega il Presidente Giovanni Claudio Olivero – rappresenta un momento molto importante per la Banca di Cherasco, che si sta preparando ad affrontare la  sfida del cambiamento che investirà a breve il mondo del Credito Cooperativo con la c.d. autoriforma del sistema. La nomina del nuovo Collegio Sindacale e di tre nuovi amministratori è da vedere proprio in questa prospettiva di passaggio ad un sistema di Credito Cooperativo che, pur confermando la sua naturale vocazione localistica, dovrà confrontarsi  con nuove regole europee”

Presidente del nuovo Collegio Sindacale sarà invece il Prof. Umberto Bocchino (56 anni, residente a Pinerolo, Dottore Commercialista e Revisore dei Conti, attualmente docente presso la Scuola di Management ed Economia dell’Università di Torino) coadiuvato dal Dott. Emanuele Marchetti di Cavallermaggiore e dal Dott. Pier Luigi Riccardi di Cherasco, entrambi Dottori Commercialisti, Sindaci supplenti della Banca di Cherasco dal 1999 che verranno sostituiti nel ruolo da Luca Arese, Dottore Commercialista e Revisore Legale presso lo Studio Associato Arese-Busato di Savigliano e da Valter Gamba, Dottore Commercialista e Revisore Legale, Docente e Ricercatore del Dipartimento di Economia dell’Università di Torino. 

Ci tengo molto a ringraziare il mio predecessore Giovanni Bottero , l'ex Presidente Alberto Bravo, gli amministratori e i sindaci uscenti, grazie al loro lavoro la Banca di Cherasco è molto cresciuta negli ultimi anni  e ha acquisito importanza nel panorama del Credito Cooperativo. La gestione uscente ci consegna un istituto solido e con buone prospettive economiche. Il nostro compito a breve sarà quello di accrescere il patrimonio della banca e riprendere a fare impieghi a favore di famiglie ed imprese del territorio ha concluso il Direttore Generale Pier Paolo Ravera

L'assemblea dei Soci ha anche approvato l'attribuzione dell'incarico di revisione legale dei conti, fino al 2023, alla società  BDO Spa di Milano, realtà  esperta del mondo del Credito Cooperativo che annovera tra i propri clienti molte BCC, tra le quali Valsabina, Cilento, Inzago e Aquara.